CasoriaToday

Caivano, crisi rifiuti. Lettera aperta a de Magistris

I comitati: "Ci aspettiamo segnali dall'Amministrazione che debbano essere anche diretti a queste comunità alcune delle quali, proprio in vista dell'emergenza, danno il proprio contributo pagando un conto salato"

"Non riteniamo più accettabili le dinamiche da 'agguato' e i silenzi scelti dal tavolo Provincia-Comune". I comitati dei cittadini di Caivano scrivono a de Magistris. Descrivono l'ultima crisi dei rifiuti come il prodotto di un fallimento trasversale di un'intera classe dirigente. "In 20 anni non si è saputo dare risposte al governo del ciclo dei rifiuti e poco si può addebitare ad un'amministrazione comunale insediatasi da pochi giorni - precisano - apprezziamo gli sforzi della giunta per dare un nuovo corso alla gestione dei rifiuti".

L'incremento della diffusione della raccolta differenziata, la realizzazione di siti di compostaggio per la frazione umida e ancora, il trattamento industriale della componente secca per ricavarne nuovi e innovativi materiali e l'opposizione alla realizzazione di un nuovo inceneritore e nuove discariche. Questi sono i punti chiave del programma del primo cittadino partenopeo con cui concordano i cittadini dei comitati. Nella lettera aperta inviata a Luigi de Magistris, l'assessore all'Ambiente Tommaso Sodano e al presidente dell'Asia Raphael Rossi, spiegano: "In questo nuovo corso, partendo dal presupposto che quest'esperienza amministrativa della città di Napoli è per certi versi l'esperienza della società civile allargata e pertanto è seguita con interesse ed attenzione da territori e comunità che vanno al di là del capoluogo, ci aspettiamo segnali dall'Amministrazione che debbano essere anche diretti a queste comunità, alcune delle quali, proprio in vista dell'emergenza, stanno dando il contributo più grande pagando il conto più salato".

I territori devastati da incremento di casi di tumore e di inquinamento sono Acerra e Caivano, ma dove negli anni si è sviluppato una coscienza, nonché un'attenzione molto alta ai problemi legati all' ambiente. I comitati e i cittadini di Acerra e dei Comuni a Nord di Napoli descrivono come 'dinamiche da agguato' e 'i silenzi scelti dal tavolo Provincia-Comune' quelle attivate per individuare, ancora una volta in quei comuni, i siti di trasferenza, nonostante le parti in causa conoscessero 'la peste del pantano'.

"La cosa che ci sembra più incomprensibile è che si siano individuati siti privati, come nel caso di Ital Ambiente. Non capiamo come l'Amministrazione possa accettare di alimentare questa gestione delle emergenze. Non è ammissibile che la comunità paghi decine di migliaia di euro al giorno per accogliere sul proprio territorio una bomba ecologica. Questi siti, in circostanze di emergenza e di sospensione del diritto alla salute e tutela dell'ambiente andrebbero semmai requisiti, per evitare che la comunità paghi oltre in termini di tutele sospese anche in termini economici. Così si potrebbe disincentivare emergenze 'pilotate' e insediamenti produttivi senza nessun valore industriale".

Dunque l'inversione di tendenza della giunta De Magistris deve sostare necessariamente e passare anche per Caivano e Acerra. I cittadini chiedono che raggiunti i 30 e 60 giorni stabiliti dalle ordinanze di Cesaro, quei rifiuti dovranno essere rimossi, pertanto i primi siti ad essere svuotati devono essere Acerra e Caivano. Commentano con ironia: "Per la prima volta nella storia un sito connotato come di trasferenza, lo sarebbe di nome e di fatto". A queste richieste aggiungono la bonifica dei territori: "Le chiediamo di farsi promotore di un tavolo istituzionale che coinvolga Regione, Provincia e Comuni, affinché su queste aree si avvii un serio programma di bonifiche e tutela ambientale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Temporali d'agosto in arrivo a Napoli: temperature giù di 10 gradi

  • Ritrovata dopo 24 ore di ricerche, Claudia è in coma farmacologico

  • Carabiniere aggredito, quattro arresti: fermato anche l'uomo che gli ha rubato il borsello mentre era a terra

  • Grave incidente stradale in vacanza, muore Lello Iodice: lascia la moglie e tre figli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento