CasoriaToday

I funerali li fa la camorra: prezzi alle stelle e minacce ai concorrenti

A Casoria scoperto monopolio, sostenuto dal clan Moccia, in fatto di onoranze funebri. Ingenti i sequestri ai danni di un imprenditore ritenuto prestanome del gruppo camorristico

Pompe funebri

Onoranze funebri in mano alla camorra: è quanto è venuto fuori dall'inchiesta che ha portato oggi al sequestro di beni mobili e immobili per 150 milioni di euro. Un imprenditore, ritenuto prestanome dei Moccia di Afragola, aveva monopolizzato il settore a Casoria. Veniva impedito ai potenziali concorrenti di lavorare, e soprattutto ai cittadini di scegliere a chi affidare le esequie dei propri cari estinti.

Soltanto nel settembre del 2011, un servizio della popolare trasmissione televisiva “Le Iene”, aveva provato a documentare la situazione: alla troupe televisiva fu sottratta la telecamera con violenze e minacce. L'indagine ha permesso di ricondurre all'imprenditore tutte le imprese funebri casoriane: un regime di monopolio che generava prezzi esorbitanti.

Gli affari dell'uomo riguardavano anche il settore immobiliare, e una parte dei suoi guadagni erano stati investiti in aziende in crisi, sempre relative al trasporto funebre, del Nord Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Per i bambini campani picco di influenza: la raccomandazione dei pediatri

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • Boato in un appartamento, esplode bombola: ferito 30enne

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

  • Lutto nel mondo alberghiero, si è spenta Emma Naldi

Torna su
NapoliToday è in caricamento