CasoriaToday

Casoria, minaccia strage alla prima di Batman: era un mitomane

"Farò un massacro all'anteprima del film Batman all'Uci cinema di Casoria, martedì 21 agosto". Questo il tenore della mail spedita da un anonimo, probabilmente un mitomane, alla Warner e alla Polizia italiana

"Farò un massacro all'anteprima del film Batman all'Uci Cinema di Casoria, martedì 21 agosto". Era più o meno di questo tenore la mail spedita da un anonimo, probabilmente un mitomane, alla Warner, produttrice della pellicola, e alla Polizia italiana.

Visti i trascorsi della strage in Colorado, le forze dell'ordine hanno preferito non lasciar correre la minaccia. Perciò, con la dovuta discrezione per evitare il panico tra gli spettatori, ieri i controlli nel multiplex dell'hinterland napoletano sono stati eseguiti.

Agli spettacoli delle 18, 18 e 30, 21 e 30 e 22, tutto è filato liscio, con gli spettatori che hanno dovuto superare un "check up" un pò più invasivo del consueto controllo antipirateria delle guardie giurate del cinema, come spiega Alessandro Chetta sul Corriere del Mezzogiorno. Impossibile, infatti, portare in sala anche le patatine o le bibite, benché già acquistate.

Anche chi si è presentato con maschere, è stato "rimbalzato", per espressa disposizione della direzione Uci nazionale. Il tutto condito dalla presenza dei cani antiterrorismo dei Carabinieri, mentre gli agenti del commissariato di Afragola agli ordini del vicequestore Luciano Nigro hanno agito in borghese in uno scenario del tutto insolito per un cinema.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Per i bambini campani picco di influenza: la raccomandazione dei pediatri

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Boato in un appartamento, esplode bombola: ferito 30enne

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

Torna su
NapoliToday è in caricamento