CasoriaToday

Cantariello di Casoria, al via i controlli dell'Arpac

Amato, il presidente della commissione regionale bonifiche ed ecomafi: "È necessario procedere sull'intera area prima di dare una valutazione completa e prevedere la azioni più idonee per la rimozione dei rifiuti"

Cantariello

Sono iniziati questa mattina i controlli dell'ARPAC al sito Cantariello di Casoria "che ancora continua a emanare i suoi fumi di veleno": lo afferma il presidente della commissione regionale bonifiche ed ecomafie Antonio Amato che si è recato sul sito per verificare l'avvio delle operazioni.

"L'area - spiega - è stata divisa in lotti funzionali, le procedure adottate appaiono corrette ma bisogna immediatamente provvedere a recuperare i mezzi tecnici necessari per realizzare gli esami dell'intera area, soprattutto nella sua parte centrale dove verosimilmente sono accumulati i rifiuti più pericolosi, quelli che ancora oggi lasciavano sollevare fumi nauseabondi per processi di autocombustione. Questa mattina - afferma Amato - i tecnici dell'ARPAC coadiuvati dal comune di Casoria hanno iniziato a vagliare un primo lotto perimetrale e già, pur solo visivamente, emergevano scarti di natura industriale, soprattutto residui di concerie e pellame. Ma è necessario procedere sull'intera area prima di dare una valutazione completa e prevedere la azioni più idonee per la rimozione dei rifiuti e la messa in sicurezza e bonifica dell'area. Per fare questo sono necessari mezzi adatti che, paradossalmente, l'ARPAC non dispone. La pala meccanica di questa mattina è stata messa a disposizione dal comune ma non è sufficiente, ed ora la stessa amministrazione dovrebbe provvedere al recupero di una pala meccanica a braccio lungo".

"Abbiamo già interessato l'assessorato regionale - conclude il presidente della commissione - perché d'intesa col comune si risolvano urgentemente le questioni tecniche e si provveda ad un celere ma approfondito esame di un'area contaminata che continua a provocare enormi danni all'ambiente e alla salute e necessita di un intervento risolutivo non più derogabile". (Ansa)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

  • "Smetta di fumare e metta la mascherina": in Circum passeggero manda capotreno in ospedale

Torna su
NapoliToday è in caricamento